"La Fiera torna all'Agricoltura"

Un passo avanti... all’indietro. Sembra un paradosso ma la 408^ Fiera di San Martino, in programma dal 14 al 16 novembre, guarda al futuro ritornando al mondo agricolo. Il successo di Expo ha certificato un’attenzione alla terra, al rispetto dell’ambiente e alla qualità: “In questa edizione della fiera - ci spiega il Sindaco Sara Bettinelli - l’obiettivo che ci siamo posti è che sia la Fiera ad andare verso il territorio e non i cittadini verso di essa; riuscire a valorizzare e creare opportunità con le realtà esistenti è fondamentale per crescere”. Oltre ai tradizionali appuntamenti con standisti, animali, mezzi agricoli e particolarità culinarie (come la piota e la ‘casuola’), ci sono anche alcuni importanti innovazioni organizzative: “Quest’anno abbiamo voluto coinvolgere anche la frazione di Furato con l’apertura del ‘Padiglione Villoresi’ (sulla provinciale verso Casorezzo, ndr) che ospiterà, nei tre giorni, molti incontri e conferenze, oltre a punto ristoro e acquisto di prodotti a km 0. Siamo certi che lo spessore dei dibattiti, l’attenzione al biologico e l’avvicinarsi a prodotti locali trasformerà l’area in una forte attrattiva”. Grande attenzione per poter assaporare le specialità della tradizione e conoscere sistemi di allevamento e coltura dei nostri paesi saranno portate dalla Cascina Garagiola (Inveruno), Cascina Monella (Furato) e Cirenaica (Cuggiono). “La tradizione è il punto di partenza per un più ampio coinvolgimento - spiega - aver avuto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole è una grande soddisfazione”. Non confermata, ma molto probabile sarà la visita del Ministro Maurizio Martina, almeno nel giorno dell’inaugurazione. Ma vi è di più, perchè grande attenzione è stata posta anche nell’organizzazione dei parcheggi e dei trasporti: “Grazie ad un accordo con ATS - spiega il Sindaco - nei giorni della Fiera due navette fermeranno in otto punti di sosta di Inveruno e Furato per trasportare i visitatori”. Il servizio sarà attivo dalle 9.30 alle 20 di sera e sarà completamente gratuito. E per finire... oltre ai tradizionali stand che ospiteranno associazioni, imprese e realtà gastronimiche; lunedì vi saranno circa 350 bancarelle per il paese.